CssGlance: showcase made in Italy

giugno 18, 2007

Molto ben fatto e interessante, CssGlance. Showcase di siti web dal design innovativo / originale / “ispirante” – che usano (bene 🙂 i CSS.

Sito “made in italy” ma tutto in inglese 😐

(segnalazione via html.it e tomstardust)

cssglance logo

Annunci

2 Risposte to “CssGlance: showcase made in Italy”

  1. Ciao carl07,
    innanzi tutto vorremmo ringraziarti per l’attenzione che hai voluto concedere al nostro progetto.

    In secondo luogo vorremmo rispondere alla tua osservazione sulla scelta della lingua inglese, peraltro condivisa anche da altri utenti della rete, esprimendo alcune considerazioni sul cammino che abbiamo da poco intrapreso con il nostro sito. L’idea di realizzare un sito made in italy ma in lingua inglese nasce dalla volontà di raggiungere un pubblico il più vasto possibile, cercando sia di importare che di esportare esempi di utilizzo creativo ed innovativo degli standards web. A tal proposito, abbiamo pensato che l’inglese potesse rappresentare un valido alleato.

    Riteniamo che la situazione italiana, nel campo degli standard, sia in netto ritardo rispetto ad altre realtà; tuttavia, esistono esempi che è giusto proporre all’attenzione di un pubblico internazionale.

    Allo stesso tempo, per contribuire alla diffusione di pratiche innovative nel contesto italiano, sarà nostro impegno proporre in futuro articoli sia in lingua inglese che italiana, in modo da venire incontro alle esigenze degli sviluppatori italiani che non conoscono la lingua inglese.

    A presto!
    Andrea e Roberto

  2. carl0z said

    Andrea e Roberto,

    inanzitutto grazie a voi per l’attenzione e il commento.

    La scelta della lingua inglese ̬ Рcome ho scritto commentando la segnalazione di cssglance sul blog di html.it Рopinabile ma rispettabile.

    Anch’io nel mio piccolo sono uno strong supporter degli standard, e condivido del tutto la considerazione che ci siano troppi troppi troppi siti in giro fatti “alla vecchia” (es. con tabelle nestate o con flash usato male, tipo per un semplice effetto rollover).

    Nel commento qui in verità mi avete fatto venire un dubbio, parlando di “esempi italiani che è giusto proporre all’attenzione internazionale”. Ho pensato – vedi che sono stato così idiota da non accorgermi, ieri, navigando cssglance, che gli esempi proposti erano tutti italiani…

    Non è così. I siti esempio vengono da tutto il mondo. Il made in italy del progetto si limita al progetto in sè.

    Non conosco la realtà italiana del web-design così bene da poter dire se ci sono le condizioni per uno showcase solo di siti italiani.

    Certo magari una categoria potrebbe starci, in cssglance. Made in Italy.

    Giusto per esagerare con la prolissità: la questione del tradurre o meno articoli di alistapart & cia è controversa. Io l’inglese lo so bene. Sicuramente per un web-designer/developer sapere l’inglese è + o – necessario. Diciamo che cmq per chi lo sa così così avere dei materiali nella propria lingua aiuta.

    Magari avrebbe senso tradurre delle selezioni di articoli, non tutto. E un po’ di gente in giro traduce già (penso a sickbrain e a molti altri).

    Vedremo, cosa ci riserva il futuro.

    Ancora “bravo!” – carloz

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: